venerdì 28 novembre 2014

The Winds of Winter - Tyrion - Traduzione

Da qualche parte in lontananza, un uomo morente stava urlando il nome di sua madre.
“Ai cavalli!” un uomo urlava in Ghiscari, dal campo a nord di quello dei Secondi Figli, “Ai cavalli! Ai cavalli!” La sua voce, acuta e potente, risuonava in lontananza nell’aria del mattino, arrivando anche fuori da suo accampamento. Tyrion conosceva poche parole in Ghiscari, ma la paura nella voce dell’uomo sarebbe stata chiara in qualsiasi lingua. So come si sente.
Era ora di trovare il suo cavallo, Tyrion lo sapeva. Tempo di indossare l’armatura di qualche ragazzo morto, prendere una spada e un pugnale, infilarsi il vecchio elmo rovinato in testa. L’alba era arrivata, e un frammento di sole era visibile in lontananza dietro le mura e le torri della città, quasi accecante. All’ovest le stelle stavano scomparendo, una dopo l’altra. Trombe risuonavano lungo lo Skahazadhan, e corni da battaglia rispondevano da dietro le mura di Meereen. Una nave stava affondando nella foce del fiume, in fiamme. Draghi e cadaveri volavano nel cielo, mentre altre navi da guerra si scontravano e affondavano nella Baia degli Schiavisti. Tyrion non poteva vedere tutta la battaglia da dove si trovava, ma poteva sentire i suoni: lo scontro di cinghia contro cinghia di navi che si scontravano l’una contro l’altra, il profondo suono dei corni degli Uomini di Ferro e gli strani sibili di quelli di Qarth, lo scheggiarsi dei remi e le urla e i gridi di battaglia, asce contro armature, spade contro scudi, tutto frammezzato dalle urla dei feriti. Molte navi erano ancora lontane nella baia, e i loro suoni arrivavano a malapena, ma Tyrion li riconosceva lo stesso. Il suono della morte.
A trecento iarde da Tyrion si innalzava la Sorella Malvagia (I), con il suo lungo braccio pieno di cadaveri – chunk-THUMP – e i corpi stavano volando, nudi e gonfi, come dei pallidi uccelli. I campi d’assedio brillavano in un alone di rosa e oro, ma le famose piramidi a gradoni di Meereen s’innalzavano come ombre nere nella luce dell’alba. Qualcosa si muoveva sopra una delle piramidi, Tyrion notò. Un drago, ma quale? A questa distanza, sarebbe anche potuta essere un’aquila. Un’aquila molto grande.
Dopo giorni passati nascondendosi nelle tende polverose dei Secondi Figli, l’aria profumava di fresco e di pulito. Anche se non poteva vedere la Baia dalla sua posizione, l’odore del sale era abbastanza per capire che era vicina. Tyrion prese un lungo respiro, riempendosi i polmoni. Un bel giorno per una battaglia. Dall’est il suono dei tamburi si diffondeva fino ai campi di battaglia sulla pianura. Una colonna di uomini a cavallo passò velocemente attraverso l’Harridan, scortando le bandiere blue dei Windblown (II).
Se fosse stato un giovane, avrebbe potuto trovare tutto questo esilarante. Se fosse stato uno stupido, avrebbe potuto trovare tutto magnifico e glorioso, fino a quando qualche brutto soldato schiavo di Yunkai con anelli nei capelli non gli avesse piantato un’ascia in testa. Tyrion Lannister era abbastanza intelligente per capire che la battaglia non faceva per lui. Gli dei non mi hanno fatto per impugnare una spada, pensò tra sé e sé. Eppure continuano a mandarmi in mezzo a tutte le battaglie.
Ma nessuno lo stava ascoltando. Nessuno gli rispose; a nessuno importava.
Tyrion si ritrovò a pensare alla sua prima battaglia. Shae era stata la prima ad accorgersene, svegliata dal suono dei trombettieri di Lord Tywin, e all’improvviso la dolce puttana che gli aveva fatto compagnia per metà della notte aveva iniziato a tremare nuda e spaventata fra le sue braccia, come una bambina. O anche quella era una bugia, una trama per farmi sentire forte e coraggioso? Che attrice che era. Quando Tyrion aveva urlato per Podrick Payne, per farsi aiutare con la sua armatura, aveva trovato il ragazzo ancora addormentato. Non il ragazzo più sveglio che abbia mai incontrato, ma è stato uno scudiero decente, alla fine. Spero che abbia trovato un uomo migliore da servire.
Era strano, ma Tyrion ricordava la Forca Verde molto meglio della battaglia delle Acque Nere. Era la mia prima battaglia. La prima volta non si scorda mai. Si ricordava la nebbia sopra il fiume, la nebbia che aleggiava attraverso le canne come tante pallide dita. E la bellezza di quell’alba, si ricordava anche quello; stelle sparse attraverso un cielo porpora, l’erba che scintillava come vetro nella luce del mattino, lo splendore rosso del cielo dell’est. Si ricordava il tocco delle dita di Shae, mentre aiutava Pod con la sua armatura di fortuna. Quel maledetto elmo. Come un secchio con una punta. Quella punta l’aveva salvato, alla fine, gli aveva dato la sua prima vittoria, ma neppure Groat (III) e Penny erano mai sembrati più ridicoli quanto Tyrion quel giorno. Eppure Shae l’aveva chiamato ‘temibile’ una volta indossata l’armatura. Come ho fatto ad essere così cieco, così sordo, così stupido? Avrei dovuto fare di meglio che pensare con il cazzo.
I Secondi Figli stavano sellando i cavalli. Lo facevano lentamente, senza fretta, ma comunque efficienti; non era nulla che non avessero mai fatto un centinaio di volte prima d’ora. Alcuni di loro si stavano passando una borraccia di mano i mano, ma Tyrion non poteva dire se fosse acqua o vino. Bokkoko stava baciando il suo amante senza alcun pudore, una mano sul sedere del ragazzo, l’altra nei suo capelli. Dietro di loro, Ser Garibald stava spazzolando il manto del suo castrato. Kem sedeva su una roccia, osservando il terreno… probabilmente pensando alla morte di suo fratello, o magari di quell’amico lasciato ad Approdo del Re. Martello e Chiodo si muovevano da un uomo all’altro, controllando lance e spade, sistemando armature, affilando ogni lama che ne avesse bisogno. Snatch stava masticando delle foglie, facendo battute e grattandosi le palle con la sua mano a uncino. Qualcosa nell’uomo ricordava a Tyrion di Bronn. Ser Bronn delle Acque Nere ora, almeno che mia sorella non l’abbia già ucciso. Ma uccidere Bronn non è così facile come Cersei potrebbe pensare. Si chiese quante battaglie questi Secondi Figli avessero combattuto. Quante schermaglie, quanti saccheggi? Quante città hanno saccheggiato, quanti fratelli seppelliti o lasciati dietro a marcire? Paragonato a loro, Tyrion era un ragazzo verde, senza esperienza, anche se era più vecchio di metà della compagnia.
Questa sarebbe stata la sua terza battaglia. Stagionato e pieno di esperienza, ferito e pieno di cicatrici, sono proprio un guerriero. Ho ucciso degli uomini e feriti altri, ricevuto ferite e sopravvissuto per raccontarle. Ho guidato cariche, sentito uomini urlare il mio nome, uccisi altri molto più grossi di me, ho anche avuto qualche assaggio di gloria… e non è forse la morte il dolce vino degli eroi, non dovrei volere un altro sorso? E nonostante tutto quello che aveva fatto, e tutto quello che aveva visto, la semplice idea di un’altra battaglia era abbastanza per far ghiacciare il sangue nelle sue vene. Aveva viaggiato attraverso metà del mondo su una portantina, una nave e un maiale, attraversato il mare in navi schiaviste e galee, cavalcato cavalli e puttane, nel frattempo ripetendosi che non gli importava di vivere o morire… per poi trovare che gli importava, alla fine, e non poco.
Lo Straniero era salito in sella alla sua giumenta pallida (IV) e stava cavalcando verso di loro, spada in mano, ma a Tyrion Lannister non interessava incontrarlo di nuovo. Non adesso. Non ancora. Non oggi. Che imbroglione che sei, folletto. Hai lasciato che cento uomini stuprassero tua moglie, hai ucciso tuo padre con una balestra, strangolato la tua amante con una catena d’oro finchè la sua faccia non è diventata nera; e nonostante tutto ancora pensi di meritarti di vivere.
Penny era già nella sua armatura quando Tyrion tornò dentro nella tenda che condividevano. Aveva passato anni nella sua armatura di legno nei suoi spettacoli; una vera armatura di maglia non era così differente quando sapevi come indossarla e dove legarla. E se l’acciaio era arrugginito e rovinato in certi punti, non importava. Era comunque abbastanza per fermare una spada.
L’unico pezzo che ancora non aveva indossato era l’elmo. Quando Tyrion entrò, Penny si girò a guardarlo. “Dov’è la tua armatura? Che sta succedendo?”
“Il solito. Fango e sangue ed eroismo, uccisioni e morte. C’è una battaglia nella baia, un’altra sotto le mura, e gli uomini di Yunkai sono circondati da nemici. I combattimenti più vicini sono a una buona lega da qui, ma arriveranno da noi presto,” Da una parte o dall’altra. I Secondi Figli erano pronti per cambiare padroni di nuovo, Tyrion ne era quasi sicuro… anche se c’era un abisso fra ‘sicuro’ e ‘quasi sicuro’. Se ho sbagliato a giudicare, siamo tutti morti. “Mettiti l’elmo, e assicurati che sia ben saldo. Una volta mi tolsi l’elmo per non affogare, e ci ho rimesso il naso.” Tyrion si portò una mano al viso, toccando la sua cicatrice.
“Devi prima metterti la tua armatura.”
“Se così desideri. Prima il giustacuore, poi la pelle bollita, con le borchie di ferro. La maglia sopra, e poi la gorgiera.” Si guardò intorno. “C’è del vino?”
“No.”
“Era rimasto mezzo flacone ieri dopo cena.”
“Un quarto di flacone, e l’hai finito tutto.”
Tyrion sospirò. “Venderei mia sorella per un calice  di vino.”
“Tu venderesti tua sorella per un calice di piscio di cavallo.” La battuta era così inaspettata che lo fece ridere. “Lo dici perché il mio amore per il piscio di cavallo è così diffuso, o perché hai incontrato mia sorella?”
“L’ho vista solo una volta, quando abbiamo giostrato al matrimonio del re. Groat (III) pensava che fosse bellissima.”
Groat era un piccolo sgorbio con un nome ridicolo. “Solo un folle va in battaglia sobrio. Plumm avrà del vino da qualche parte. Che succederà se muore in battaglia? Sarebbe un crimine sprecarlo.”
“Smetti di parlare, devo allacciare questo giustacuore.”
Tyrion provò a stare zitto, ma gli sembrava che i suoni della battaglia fossero più vicini, e non riuscì a trattenersi. “Faccia di Budino (V) vuole usare questa compagnia per rimandare gli uomini di ferro a mare,” disse a Penny, mentre lo vestiva. “Quello che avrebbe dovuto fare, invece, sarebbe stato di mandare tutti i suoi cavalli contro gli eunuchi, in carica, prima che potessero uscire dai cancelli. Mandare i Gatti dalla sinistra, e i Windblown (II) dalla destra, andare contro i loro fianchi da entrambe le parti. Uomo contro uomo, gli Immacolati non sono meglio o peggio di ogni altro soldato con una lancia. E’ la disciplina a renderli pericolosi, ma se non possono mettersi in formazione…”
“Alza le braccia,” disse Penny. “Ecco, così va meglio. Magari dovresti essere te a comandare gli uomini di Yunkai.”
“Usano schiavi come soldati, perché non dovrebbero usare schiavi come comandanti? Però così rovinerebbero la gara. Questo è solo un gioco di cyvasse per i Saggi Padroni, noi siamo i pezzi.” Tyrion inclinò la testa da un lato, pensando. “Hanno questo in comune con il lord mio padre, questi schiavisti.”
“Tuo padre? Che cosa vuoi dire?”
“Stavo solo ricordando la mia prima battaglia. La Forca Verde. Stavamo combattendo fra un fiume e una strada, e quando vidi per la prima volta l’esercito di mio padre muoversi, mi colpì il fatto che fosse così bello. Come un fiore che apriva i suoi petali al sole. Una rosa cremisi con spine di ferro. E mio padre, ah, non era mai sembrato più splendente. Aveva quest’armatura cremisi, con un mantello enorme, fatto di tessuto d’oro. Un paio di leoni dorati sulle spalle, un altro sul suo elmo. Il suo stallone era magnifico. Lord Tywin guardò tutta la battaglia in sella a quel cavallo, e non si avvicinò più di cento iarde a nessun nemico. Non si muoveva, non sorrideva, non sudò neanche mentre migliaia di uomini morivano tutto intorno a lui. E immagina me, seduto su una sedia da campo, giocando a cyvasse. Potremmo quasi essere gemelli, io e lui, se solo avessi un cavallo, un’armatura cremisi e un mantello dorato. E lui era più alto di me, ma io ho più capelli.”
Penny lo baciò.
Si mosse così velocemente che Tyrion non ebbe tempo di pensare. Si avvicinò, veloce come un uccello, e premette le sue labbra su quelle di Tyrion. E poi si staccò, velocemente come si era avvicinata. Cos’era quello? Tyrion chiese quasi, ma sapeva cos’era, e perché l’aveva fatto. Grazie, avrebbe potuto dire, ma poi Penny avrebbe potuto farlo di nuovo. Bambina, non voglio farti del male, avrebbe potuto provare a rispondere, ma Penny non era una bambina, e la sua gentilezza l’avrebbe ferita lo stesso. Per la prima volta in anni, Tyrion Lannister non sapeva cosa dire.
E’ così giovane, pensò. Una ragazza, nient’altro. Una ragazza, e quasi carina, se riesci a dimenticarti che è una nana. I suoi capelli erano di un marrone caldo, spessi e mossi, i suoi occhi grandi e pieni di fiducia. Troppa fiducia.
“Lo senti quel rumore?”
Anche lei l'aveva sentito. "Cos'è stato?" chiese mentre cercava di allacciarsi un paio di gambali fuorimisura sulle sue corte e tozze gambe.

"Guerra. Su entrambi i lati dello schieramento e a non più di una lega da noi. Questo è il suono del massacro, Penny. Questo è il suono degli uomini che cadono nella polvere, mentre le loro viscere sgusciano fuori. Questo è il suono di arti mozzati, ossa rotte e pozze di sangue. Lo sai quanti vermi sputano dopo una pioggia abbondante? Io ho sentito dire che fanno lo stesso dopo una grande battaglia, se il terreno è inzuppato di sangue. Questo è il suono dello Sconosciuto, Penny. Il Capro Nero, la Pallida Fanciulla, Colui dai molti Volti, chiamalo come vuoi, questa è la morte che avanza."

"Mi stai spaventando!"

"Ah si? Bene. Dovresti esserlo. Abbiamo gli Uomini di Ferro che stanno per sbarcare, mentre ser Barristan e i suoi Immacolati sono fuori dai cancelli, con noi in mezzo, che combattiamo dalla parte sbagliata. Io sono terrorizato."

" Se è così perchè ci scherzi sopra?"

"Perchè ridere è l'unico modo per tenere la paura lontana. Un altro modo è il vino."

"Tu sei coraggioso. Anche i nani possono essere coraggiosi."

Mio gigante di Lannister, questo Tyrion udiì. Mi sta prendendo in giro. Stava per schiaffeggiarla di nuovo. La testa gli pulsava.

"Non era mia intenzione spaventarti." disse Peny "Perdonami. Sono solo spaventanta." e gli prese la mano.

Tyrion si allontanò da lei.  Ero spaventata. Queste sono le stesse parole che mi diceva Shae. I suoi occhi erano grandi come il mare, e io mi sono lasciato affogare in quegli occhi. Sapevo cos'era. Avevo detto a Bronn di portarmi una donna, e lui mi ha portato Shae.
Le sue mani si strinsero a pugno e la visione di Shae svanì prima che iniziasse a sogghignare. La catena si stringeva attorno alla sua gola, le mani d'oro che affondavano nella sua carne, mentre le mani di Shae cercavano debolmente di afferargli la faccia. Se avesse avuto una catena in mano in quel momento, una balestra, un pugnale, qualsiasi cosa, avrebbe sicuramente...
Fu solo allora che udì le urla.  Era stato preso da una rabbia furibonda, smarrendosi in una mare di brutti ricordi, ma le urla lo avevano riportato alla realtà in un attimo. Aprì le mani, fece un respiro e si allontanò da Penny."Sta succedendo qualcosa." E uscì fuori dalla tenda per scoprire cosa. Draghi.
Il bestione verde volava sopra la baia, girandosi attorno e virando ogni volta che le navi lunghe e le galee sotto di lui si scontravano, ma era il drago bianco che i mercenari guardavano con aria sbalordita. Trecento iarde più in la le Sei Sorelle facevano partire il loro braccio e chunk-THUMP, e sei nuovi corpi volarono nel cielo. Si lazarono sempre più in alto, finchè due furono avvolti dalle fiamme.

Il drago afferrò un corpo bruciato poco prima che iniziasse a precipitare in basso, e iniziò a masticarlo mentre nella sua mandibola pallide fiamme sbuffavano attraverso i denti.
Ali bianche fendettero l'aria del mattino, e la bestia iniziò a prendere quota. Il secondo cadavere sfuggì all'artiglio del drago e cadde in basso atterrando in mezzo ad alcuni Yunkai a cavallo, spargendo panico e fiamme. Un cavallo si impennò e disarcionò il suo cavaliere, gli altri iniziarono a correre cercando di spegnere le fiamme, ottenendo l'effetto contrario. Tyrion Lannister poteva vedere il panico diffondersi per tutto l'accampamento.

L'acre e permeante odore di urina riempì l'aria. Il nano si guardò attorno e fu sollevato nel vedere che era stato Kasporio a pisciarsi sotto, non lui. "Faresti meglio a cambiarti" gli disse Tyrion " e già che ci sei cambiati anche la cappa". L'ufficiale pagatore impallidì ma non si mosse.
Era ancora lì in piedi, a guardare impietrito il drago afferrare i cadaveri in aria, quando il messaggero entrò sbattendo i piedi.
Un comandante schiavista, giudicò Tyrion in un occhiata. Era rivestito da un armatura dorata e montava un cavallo anch'esso in corazza d'oro. Annunciò a voce alta che era stato inviato dal comandate supremo degli Yunkai, il nobile e possente Gorzhak zo Eraz. " Lord Gorzhak manda i suoi saluti al Capitano Plumm e gli ordina di spostare la compagnia sulla spiaggia della baia. La nostra flotta è sotto attacco."

Le tue navi sono già affondate, bruciate o scappate, pensò Tyrion. Le tue navi sono già state prese, i tuoi uomini già sgozzati. Era un Lannister di Castel Granito, non molto lontano dalle Isole di Ferro. I predoni di ferro non erano degli sconosciuti per le sue terre. Nel corso dei secoli avevano dato fuoco a Lannisport almeno tre volte, e almeno due dozzine di volte l'avevano saccheggiata. Gli uomini del Continente Occidentale sapevano di cosa erano capaci gli uomini di Ferro, gli Schiavisti lo stavano imparando ora.

"Il Capitano non è qui al momento." Kasporio rispose al messaggero "E' andato ad incontrarela 'Girl General'."

Il cavaliere indicò il sole. "Il comando di Lady Melazza è terminato con il sorgere del sole. Fate come Lord Gorzhak vi ha ordinato."
"Attaccare la flotta dei calamari, intendi? L'unica flotta rimasta a galla la fuori." L'ufficiale pagatore si accigliò. "Per quanto mi riguarda non vedo come sia possibile, comunque sia appena Ben Plumm tornerà gli dirò cosa gli ha comunicato Gorzhak."
"Io ti ho dato un ordine. E tu lo eseguirai ora!"
"Noi prendiamo ordini solo dal nostro capitano." Rispose Kasporio nel suo solito tono conciliante "E lui non è qui ora, te l'ho già detto."
Tyrion notò come il messaggero avesse ormai perso la pazienza. "La battaglia è già cominciata, il vostro comandante dovrebbe essere qui con voi."
"Dovrebbe esserci, ma non c'è, la lady lo ha mandato a chiamare, e lui se n'è andato."
Il messaggero diventò rosso di rabbia. "Tu devi eseguire gli ordini!"

"Sono dolente,padrone." Disse al cavaliere Yunkai. "Ma qui siamo tutti uomini a cavallo, come anche milord. Ora un cavallo da guerra ben addestrato può caricare un muro di lance. Alcuni possono saltare un fossato in fiamme. Ma nemmeno una volta ho visto un cavallo correre sull'acqua."
"Le navi stanno facendo sbarcare dei soldati." Gridò il messaggero Yunkai. "Hanno bloccato la foce dello Skahadhan con una nave in fiamme, e ogni istante che perdi qui a parlare centinaia di spade sbarcano sulle rive del fiume. Raduna i tuoi uomini e respingili in mare. Immediatamente! Gorzhak te lo ordina!"
"Chi è Gorzhak?" chiese Kem "E' il Coniglio?"
"Faccia di budino" disse Kasporio. "Il Coniglio non è così folle da mandare la cavalleria leggera contro le navi lunghe".

Il cavaliere aveva sentito abbastanza. "Informerò Gorzhak zo Eraz che ti sei rifiutato di eseguire i suoi ordini." Disse bruscamente. Giurò il suo cavallo e se ne galoppò via da dove era venuto, accompagnato da uno scoppio di risate da parte dei mercenari.

Kasporio fù il primo a smettere di sorridere."Basta!" disse improvvisamente serio."Torniamo a noi. Sellate i cavalli, voglio tutti gli uomini pronti a partire non appena Ben Plumm tornerà con i suoi ordini. E spegnete quel fuoco. Potrete spezzare il digiuno dopo la battaglia, se vivrete fino ad allora." Il suo sguardò si posò su Tyrion. "Perchè sogghigni? Sembri un idiota con quella armatura, Mezzouomo."
"Meglio sembrare un idiota che esserlo." rispose il nano. "Siamo dalla parte sbagliata."
"Il Mezzouomo ha ragione". disse Jorah Mormont. "Non vogliamo combattere per gli Schiavisti quando Daenerys ritornerà, e state pur certi che ritornerà, non commettete questo errore. Colpite ora e colpite forte, e la regina non lo dimenticherà. Trovate i suoi ostaggi e liberateli. E io vi giuro sul mio onore e sull'onore della mia casata che questo era il piano di Ben Plumm fin dall'inizio."

Sulle acque della Baia degli Schiavisti, un'altra delle galee di Quarth fù affolta da un improvvisa folata di fiamme. Tyrion potè udire gli elefanti barrire ad est. Le braccia delle Sei Sorelle, si alzarono e si abbassarono, lanciando corpi. Scudi si scontrarono con altri scudi, così come due muri di lance si scontrarono sotto le mura di Mereen.
I draghi aleggiavano sulle loro teste, la loro ombra aleggiava sulle teste rivolte all'insù sia degli amici che dei nemici.
Kasporio poggiò le mani sul tavolo e si alzò. "Io tengo i libri contabili, e sorveglio il nostro oro. Io redigo i contratti, pago il vostro stipendio, mi accerto che abbiamo oro a sufficienza per le nostre provviste. Io non posso decidere chi combattere e quando. Quello spetta deciderlo a Ben Plumm. Ne riparliamo quando ritorna."

Nel momento in cui Ben Plumm e i suoi commilitoni tornarono dall'accampamento della 'Girl General' il drago bianco era tornato in volo nel suo covo, in cima a Mereen. Il drago verde era ancora in cerca di preda, librandosi in volo sulla città e sulla baia, agitando le sue grandi ali verdi.

Ben Plumm il Marrone indossava una piastra metallica su un giubbotto di cuoio bollito. La cappa di seta che gli svolazzava sulle spalle era la sua unica concessione alla vanità: ondulava ad ogni movimento, con il colore che cambiava da pallido viola a rosso porpora. Smontò da cavallo e disse a Snatch di radunare i suoi ufficiali
"Digli di fare in fretta" aggiunse Kasporio l'Astuto.
Tyrion non era nemmeno un sergente, ma grazie al gioco del cyvasse era diventato una presenza familiare nella tenda di Ben, e nessuno tentò di fermarlo quando entrò nella tenda assieme agli altri. Oltre a Kasporio e Calamaio, tra i convocati c'erano anche Uhlan e Bokkoko. Il nano fu sorpreso di trovare ser Jorah Mormont insiem agli altri.
"Ci hanno ordinato di difendere le Wicked Sister". Ben il Marrone informò gli altri. Gli uomini si scambiarono sguardi inquieti. Nessuno sembrava voler parlare, finchè ser Jorah chiese, "Chi c'è l'ha ordinato?"
"La Ragazza. Ser Nonno sta marciando verso l'Harridan, ma lei teme che poi abbia intenzione di dirigersi verso le Wicked Sister. Ghost è già stata abbattuta, i liberti di Marseleen hanno messo in fuga le Lunghe Lance.....
....contina prossimamente...




Per leggere il primo capitolo di 'The Winds of Winter' su Theon clicca qui.
Traduzione integrale in italiano, dell' estratto del capitolo su Tyrion dal nuovo libro di prossima uscita di G.R.R. Martin, "The Winds of Winter" - Gli altri capitoli e anticipazioni saranno pubblicati prossimamente.
Versione originale: Excerpt from the Tyrion chapter
Tradotto da questo blog - Release chapters - Data di pubblicazione: 2014
Tratto dalla saga Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco vol.13
A Song of Ice and Fire Book n.6 ITA

giovedì 27 novembre 2014

The Winds of Winter - Arya - Traduzione

Si svegliò ansimando, senza sapere chi fosse o dove si trovasse.
L’odore di sangue era greve nelle sue narici…o forse era il suo incubo che persisteva?
Aveva sognato nuovamente dei lupi, di corse attraverso scure foreste di pini con un grande branco sulla scia dell'odore di una preda.

La stanza era debolmente illuminata, grigia e deprimente. Rabbrividendo si mise a sedere sul letto e si passò una mano sulla nuca. Gli ispidi capelli a spazzola si arruffarono contro il suo palmo.
‘Devo rasarmi prima che Izembaro se ne accorga. Mercy, sono Mercy, e stanotte sarò stuprata e assassinata’.
Il suo vero nome era Mercedene, ma Mercy era come tutti l’avevano sempre chiamata…
Eccetto nei sogni. Prese un respiro per calmare l’ululato che aveva nel cuore, cercando di ricordare che cosa avesse sognato, ma la maggior parte del sogno era già svanita. C’era stato del sangue comunque, e la luna piena alta sopra la sua testa, e gli alberi che la guardavano mentre correva.
Aveva aperto le imposte di modo che il sole del mattino la svegliasse. Ma non c’era sole al di là della finestra di Mercy, solo un muro di mutevole nebbia grigia. L’aria si era fatta gelida…cosa buona, altrimenti avrebbe potuto dormire tutto il giorno. Come se Mercy potesse dormire col pensiero del proprio stupro.
La pelle d’oca le copriva le gambe. La coperta le si era attorcigliata attorno come un serpente. Si districò da essa, la gettò sul tavolato del pavimento e a piedi scalzi andò alla finestra. Braavos era sommersa dalla nebbia. Poteva vedere l’acqua verde nel piccolo canale sottostante, l’acciottolato di pietra della strada che correva tra gli edifici e i due archi del ponte coperto dal muschio…ma l’altro lato svaniva nel grigiore, e degli edifici al di sopra del canale poteva scorgere solo fioche luci. Udì il gorgoglio dell' acqua allorché una nave serpente emerse da sotto l’arco centrale del ponte.
“Che ora è?” chiese Mercy all’uomo che stava a poppa spingendo la barca avanti col remo.
Il barcaiolo guardò avanti, in cerca della sua voce. “Le 4 secondo il ruggito del titano” Le sue parole echeggiarono cavernose contro le verdi acque e le mura degli edifici invisibili.
Non era in ritardo quindi, non ancora, ma non doveva indugiare. Marcy era un anima felice, ed una lavoratrice instancabile, ma raramente era puntuale. Questo non le sarebbe servito stanotte. Gli inviati di Westeros erano attesi al Cancello quella sera e Izembaro non avrebbe accettato scuse, neppure se gliele avesse servite con un dolce sorriso.
La sera prima aveva riempito la sua bacinella nel canale, preferendo l’acqua salmastra alla melmosa e verdastra acqua piovana della cisterna sul retro. Immergendovi un panno di stoffa grezza si lavò da cima a fondo, rimanendo su una gamba per volta per strofinarsi i piedi callosi. Dopodiché aveva preso il rasoio. Una testa rasata aiutava la parrucca a calzare meglio, le aveva detto Izembaro.
Si rasò, indossò la biancheria, quindi infilandoselo dalla testa scivolò dentro un informe vestito di lana marrone. Una delle sue calze aveva bisogno di essere rammendata, pensò mentre la infilava. Avrebbe chiesto aiuto a Snapper per ripararlo, la sua abilità nel cucire era così orribile che normalmente la donna aveva pietà di lei, e le dava una mano. Altrimenti avrebbe potuto sgraffignarne un paio migliore dal guardaroba. D’altra parte era un rischio. Izembaro odiava quando i guitti indossavano i suoi costumi per le strade. Eccetto per Wendeyne. Dare al pene di Izembaro una piccola succhiatina permetteva ad una ragazza di indossare qualunque costume ella desiderasse. Mercy non era ancora così folle. Daena l’aveva avvertita: “Le ragazze che imboccavano quella strada finivano sulla Nave, dove ogni uomo nella platea sa che può avere ognuna delle adorabili cose che vede sul palco, se solo la sua borsa è gonfia abbastanza”.
I suoi stivali erano un ammasso di vecchio cuoio marrone macchiato di sale e fessurato dal troppo uso, la sua cintura un pezzo di corda di canapa dipinta di blu. Se la annodò attorno alla vita, appese un pugnale sul fianco destro e la sacca col denaro al sinistro. Infine si gettò il mantello sulle spalle. Era un vero mantello da guitto, lana viola foderata di rosso, con un cappuccio per tener fuori la pioggia e l’aggiunta di tre tasche segrete. Nascose alcune monete in una di esse, una chiave di ferro in un'altra ed una lama nell’ultima. Una lama vera, non come il coltello da frutta che aveva al fianco, ma non apparteneva a Mercy, non più di quanto le appartenessero gli altri suoi tesori. Invece il coltello era di Mercy. Lei era fatta per mangiare frutta, per sorridere e scherzare, per lavorare duramente e fare quello che le veniva detto.
“Mercy, Mercy, Mercy” cantava mentre scendeva le scale di legno verso la strada. La balaustra era piena di schegge, gli scalini ripidi, e c’erano cinque rampe, ma questo era il motivo per cui la stanza era così economica. Questo, e il sorriso di Mercy. Poteva anche essere magra e pelata, ma Mercy aveva un bel sorriso ed una certa grazia. Perfino Izembaro concordava sul fatto che era aggraziata. Non era lontana dal Cancello per il volo di un corvo, ma per la fanciulla con i piedi al posto delle ali la strada era più lunga.
Braavos era una città intricata. Le strade erano curve, i viali erano ritorti ed i canali erano i più contorti di tutti. La maggior parte dei giorni preferiva fare la strada lunga, giù dalla via degli straccivendoli e lungo il Porto Esterno, dove si vedeva il mare ed il cielo al di sopra e si aveva una chiara visione dalla Grande Laguna all’Arsenale fino ai declivi ricoperti dai pini dello Scudo di Sellagoro. I marinai lungo i moli salutavano il suo passaggio, chiamandola dai ponti delle catramose baleniere Ibbenesi e dalle panciute navi dell’ovest. Mercy non capiva sempre le parole. Alle volte sorrideva in risposta e diceva che la potevano trovare al Cancello se avevano i soldi. La strada lunga la conduceva anche ad attraversare il Ponte degli Occhi dove erano scolpite le facce di pietra. Dall’alto della sua volta poteva guardare attraverso agli archi e vedere tutta la città: Le cupole di rame verde della Sala della Verità, le alberature che si alzavano simili ad una foresta dal Porto Viola, le alte torri dei potenti, Il fulmine dorato che si avvitava su se stesso sopra il Palazzo dei Signori del Mare..perfino le spalle bronzee del Titano, al di là delle acque verdi. Ma questo era per i giorni in cui il sole splendeva sopra Braavos. Quando la nebbia era spessa non c’era niente da vedere se non il grigiore, quindi quel giorno Mercy scelse la strada corta per risparmiare un po’ i suoi malridotti stivali. La nebbia pareva aprirsi di fronte a lei per richiudersi al suo passaggio. L’acciottolato era umido e scivoloso sotto ai suoi piedi. Udì un gatto miagolare in maniera lamentosa. Braavos era una buona città per i gatti, ed essi vagabondavano ovunque, specialmente la notte. Al buio tutti i gatti sono grigi. Al buio tutti gli uomini sono assassini.
Non aveva mai visto una nebbia più spessa di quella. Sui canali più ampi,i barcaioli guidavano le loro barche altrove, incapaci di produrre una luce più efficiente del fioco chiarore che proveniva dagli edifici dall’altra parte. Mercy oltrepassò un vecchio uomo con una lanterna che camminava nella direzione opposta ed invidiò la sua luce. Le strade erano così fosche che a stento vedeva dove metteva i piedi. Nella parte più umile della città, le case, i negozi, e i magazzini erano ammassati insieme, tutti appoggiati uno sull’altro come amanti ubriachi, i locali superiori così vicini che avresti potuto con un passo andare da un balcone all’altro. Le strade di sotto divennero tunnel oscuri dove ogni passo eccheggiava. I canali più piccoli erano ancor più un azzardo perché la maggior parte delle case che li costeggiavano aveva approdi privati sull’acqua.
Izembaro amava dare ai Signori del Mare estratti dalla Malinconica Figlia del Mercante, di come “l’ultimo Titano fosse ancora lì, a cavalcioni delle pietrose spalle dei suoi fratelli”. A Mercy però era piaciuta di più la scena in cui il mercante grasso aveva provocato il signore del mare mentre passava al di sotto della sua chiatta viola ed oro. Solo in Braavos accadevano cose del genere, era stato detto, e solo in Braavos Il Signore del Mare ed il marinaio avrebbero riso sguaiatamente alla stessa maniera. Il Cancello era vicino al confine della Città Annegata, nel mezzo tra il Porto Esterno ed il Porto Viola.. Un vecchio magazzino era bruciato lì ed il terreno affondava ogni anno di più, quindi la zona era economica. Al di sopra delle fondamenta di pietra affondate del magazzino Izembaro aveva erettoli suo cavernoso teatro. La Cupola e La Lanterna Blu potevano godersi vicini più alla moda, diceva ai suoi guitti, ma li, nel mezzo tra i porti, a loro non sarebbero mai mancati marinai e sgauldrine per riempire la loro platea. La Nave era vicina, e tutt’ora attirava folla al molo alla quale era ormeggiata da più di venti anni, diceva, ed anche Il Cancello ne avrebbe goduto e prosperato. Il tempo gli aveva dato ragione. Il palco del Cancello si era inclinato, via via che l’edificio si assestava, i loro costumi soccombevano alla muffa ed i serpenti d’acqua nidificavano nelle celle sotterranee ma niente di tutto questo preoccupava i guitti fintanto che la casa era piena.
L’ultimo ponte era fabbricato con corde e tavole grezze e pareva svanire nel nulla, ma era solo l’effetto della nebbia. Mercy l’attraversò, i tacchi che risuonavano sul legno. La nebbia si aprì di fronte a lei come una malsana cortina grigia per rivelareil teatro. Luci giallastre filtravano dalla porta e Mercy udiva voci provenire dall’interno. DI fianco all’entrata, Brusco aveva dipinto il titolo dell’ultimo spettacolo e scritto ‘La Mano Insanguinata’ in grandi lettere rosse. Aveva dipinto anche una mano insanguinata al di sotto di esse, per quelli che non sapevano leggere.
Mercy si fermò a dargli un’occhiata, “ E’ una bella mano” Gli disse. “il pollice è storto” Obiettò lui picchiettandolo col pennello
“Il Re dei Guitti ha chiesto di te”
“Era così buio che ho dormito e dormito” Quando Izembaro aveva inizialmente soprannominato se stesso Re dei Guitti, la compagnia aveva tratto un piacere perverso dal fatto, assaporando l’oltraggio dei rivali della Cupola e della Lanterna Blu. Successivamente però Izembaro aveva cominciato a prendere il titolo troppo seriamente. “Adesso vuole fare solo il Re” aveva riferito Marro roteando gli occhi “e se la commedia non ha un Re lui non intende neppure salire sul palco”
La Mano Insanguinata aveva due re da offrire, quello grasso ed il ragazzo. Izembaro avrebbe fatto quello grasso. Non era una gran parte, ma aveva una bel dialogo mentre giaceva morente, ed uno splendido combattimento con un orso demoniaco prima di quello. Phario Forel l’aveva scritto e lui aveva la penna più sanguinaria di tutta Braavos.
Mercy trovò la compagnia radunata sotto al palco e scivolò nel mezzo tra Daena e Snapper sul retro, sperando che il suo arrivo non venisse notato. Izembaro stava dicendo a tutti che si aspettava che il Cancello fosse pieno zeppo quella sera, a dispetto della nebbia. “i Re di Westeros stanno mandando i loro inviati a rendere il loro omaggio al Re dei Guitti stanotte” disse alla truppa “noi non scontenteremo i nostri compagni monarchi”
“noi?” disse Snapper che cuciva tutti i costumi per i guitti “ce n’è più di uno adesso?”
“Lui è grasso abbastanza da contare per due” sussurrò Bobono. Ogni compagnia di guitti doveva avere un nano. Lui era il loro. Quando vide Mercy le lanciò un’occhiata maligna “oh” disse “Eccola qua! E pronta la piccola fanciulla per il suo stupro?” le disse schioccando le labbra. Snapper gli dette uno scappellotto “sta buono”. Il Re dei guitti ignorò il loro battibecco. Stava ancora parlando e spiegando ai guitti quanto magnifici avrebbero dovuto essere. A parte gli inviati, ci sarebbero stati i carcerieri tra la folla quella sera , così come famose cortigiane. Non intendeva che se ne andassero con una cattiva opinione sul Cancello. “Le cose si metteranno male per ogni uomo che mi deluderà” promise, una minaccia presa a prestito dal discorso che il Principe Garin tenne alla vigilia della battaglia nella Furia dei Signori dei Draghi, la prima commedia Di Phario Forel.
Quando Izembaro ebbe finito di parlare, mancava meno di un’ora all’inizio dello spettacolo ed i guitti facevano a turno ad esser frenetici ed irritabili. Il cancellò risuonò del nome di Mercy.
“Mercy” l’implorò la sua amica Daena “Lady Stork è inciampata ancora sull’orlo del suo abito. Aiutami a ricucirlo”
“Mercy” la chiamò lo straniero “portami l’unguento di sangue, il mio corno si sta ammosciando”
“Mercy” tuonò il grande Izembaro stesso “che ne hai fatto della mia corona ragazzina? Non posso fare la mia entrata senza la corona? Come dovrebbero capire che sono il re?”
“Mercy” squittì il nano Bobono “Mercy c’è qualcosa che non và con le stringhe, l’uccello continua a scapparmi fuori”
Portò la pasta appiccicosa e aggiustò il corno sulla testa dello Straniero. Trovò la corona di Izembaro dove la lasciava sempre e lo aiutò ad appuntarla sulla parrucca, quindi corse a prendere ago e filo cosicché Snapper potesse cucire l’orlo sul retro dell’abito dorato che la regina avrebbe indossato nella scena del matrimonio.
Il ca**o di Bobono fuoriusciva veramente. Era fatto per quello, per lo stupro.”che cosa orribile” pensò Mercy mentre si inginocchiava di fronte al nano per fissarlo. L’uccello era lungo un piede e spesso come un braccio, grande abbastanza da essere visibile dalla balconata più alta. Il pittore però non aveva fatto un gran lavoro col cuoio. La cosa era una roba bianca e rosa con una bulbosa testa color prugna. Mercy lo ricacciò dentro le brache di Bobono e lo allacciò nuovamente. “Mercy” cantò lui mentre lei stringeva “Mercy Mercy, vieni nella mia stanza stanotte e rendimi uomo...”
“farò di te un eunuco se continui a slacciarti solo perché io possa giocherellare col tuo bastone”
“ma noi siam stati fatti per stare insieme, Mercy” insistette Bobono “guarda, siamo anche alti uguali”
“Solo quando sono in ginocchio. Ti ricordi la tua prima battuta?” Erano passate solo un paio di settimane da quando il nano era barcollato ubriaco sul palco ed aveva aperto ‘L’Angoscia dell’Arconte’ con la mostruosa arringa della ‘lussuriosa moglie del mercante’. Izembaro lo avrebbe scuoiato vivo se avesse fatto nuovamente un simile errore, a prescindere da quanto fosse difficile trovare un buon nano.
“Cosa mettiamo in scena Mercy?” Le chiese Bobono innocentemente.
‘Mi sta provocando’, pensò Mercy. Non è ubriaco stanotte, conosce lo spettacolo perfettamente.
“Facciamo ‘La mano Insanguinata’ di Phario in onore degli inviati dei sette regni”
“ora ricordo” Bobono abbassò la voce in un sinistro brontolio “Il dio dalle sette facce si è preso gioco di me” disse “Ha fatto il mio nobile sire di puro oro, e sempre d’oro ha fatto i miei fratelli, maschi e femmine. Ma io sono fatto di una materia più oscura, di ossa, sangue e argilla, mischiate in questa rozza forma che vedi davanti a te. “ detto questo cercò di afferrarle il petto, alla goffa ricerca di un capezzolo “Non hai tette. Come posso stuprare una ragazza senza tette?”
Lei gli prese il naso tra il pollice e l’indice e lo torse “Non riavrai il tuo naso fin quando non mi togli le mani di dosso”
“OWWWW” squitti il nano lasciandola andare.
“A me cresceranno le tette in un anno o due” Mercy si erse come una torre sul piccolo uomo “Ma a te non ricrescerà un altro naso. Pensa a questo prima di toccarmi di nuovo”
Bobono si strofinò il delicato naso. “Non c’è bisogno di esser così timide, ti stuprerò ben presto”
“Non fino al secondo atto”
“Dò sempre una strizzatine alle tette di Wendeyne quando la stupro durante ‘L’Angoscia dell’Arconte’”si lamentò il nano “a lei piace, e piace anche alla platea. Bisogna compiacere la platea!”
Quella era una delle ‘perle di saggezza’ di Izembaro, come gli piaceva definirle. Bisogna compiacere la folla.
“Scommetto che alla platea piacerebbe se strappassi l’uccello del nano e glielo sbattessi sulla testa” replicò Mercy “sarebbe qualcosa che non hanno mai visto prima”.
Bisognava sempre dare alla folla qualcosa che non avesse già visto prima, era un'altra delle perle di saggezza di Izembaro, una di quella per la quale Bobono non aveva una risposta.
“ecco qua, sei a posto” annunciò Mercy “E adesso guarda se ti riesce di tenerlo dentro alle brache fin quando non ti servirà”
Izembaro la stava nuovamente chiamando. Adesso non trovava la sua lancia da orso. Mercy la trovò per lui, quindi aiutò Brusco ad approntare la sua tenuta da orso, controllò i pugnali di scena giusto per essere sicura che nessuno li avesse rimpiazzati con delle lame vere (qualcuno lo aveva fatto a Dorme una volta, ed un guitto era morto) ed infine verso a Lady Stork il piccolo bicchierino di vino che le piaceva farsi prima di ogni spettacolo. “Quando tutti i “Mercy, Mercy, Mercy” cessarono, rubò un momento per dare una sbirciatina fuori nella casa. La platea era piena come non aveva mai visto, e si stavano già divertendo, scherzando, mangiando e bevendo. Vide un venditore ambulante vendere pezzi di formaggio, strapparli con le dita dalla ruota ogni volta che trovava un acquirente. Una donna aveva una borsa di mele rugose, otri di vino passavano di mano in mano, alcune ragazze vendevano baci, ed un marinaio suonava la cornamusa. Il piccolo uomo dagli occhi tristi chiamato Quill stava sul retro, venuto a vedere cosa avrebbe potuto rubare per una delle sue commedie. Era venuto anche Cossomoil Prestigiatore, e al suo braccio c’era Yna, la pu***na con un occhio solo di Porto Felice, ma Mercy non avrebbe dovuto conoscerli, e loro non avrebbero dovuto conoscere Mercy.
Daena riconobbe tra la folla alcuni clienti abituali del Cancello e li indicò, Il tintore Dellono con la faccia bianca e tirata e le mani macchiate di viola, Galeo il salsicciaio, con il suo unto grembiale di cuoio, l’alto Tamarro con il suo ratto domestico sulla spalla. “Sarà bene che Tomarro provveda a non far vedere il ratto a Galeo” l’avvisò Daena “E’ l’unica carne che mette all’interno delle salsicce ho udito”.
Mercy si coprì la bocca e rise.
Anche le balconate erano gremite. Il primo ed il terzo livello erano per mercanti, capitani ed altra gente rispettabile. I bravosiani preferivano il quarto e l’ultimo, dove le sedute costavano meno. Lassù era un tumulto di colori sgargianti, mentre in basso dominavano tonalità più cupe. La seconda balconata era suddivisa cabine private dove i potenti potevano avere comfort e privacy, al riparo dalle volgarità inferiori e superiori. Avevano la miglior visuale del palcoscenico, servi che gli portavano cibo, vino , cuscini e tutto ciò che potessero desiderare. Era raro vedere la balconata piena per più della metà al Cancello, poiché i potenti che si godevano una nottata di guittate erano più inclini a visitare La Cupola o la Lanterna Blu dove l’offerta era considerata più sottile e poetica.
‘Questa notte è diversa’ pensò, senza dubbio a causa degli inviati da Westeros. In una delle cabine private sedevano tre rampolli di Otharys, ognuno accompagnato da una famosa cortigiana: Prestayn sedeva da solo, un uomo così antico da farti chiedere come avesse fatto ad arrivare al suo posto a sedere. Torone e Pranelis dividevano una delle cabine, così come condividevano una scomoda alleanza; La Terza spada ospitava una mezza dozzina di amici.
“Ho contato cinque carcerieri” disse Daena
“Bessaro è così grasso che dovresti contarlo due volte” replicò Mercy ridacchiando. Izembaro aveva il pancione ma al confronto di Bessaro era agile come un salice. Il carceriere era così grasso da necessitare di una seduta speciale, grande tre volte una sedia comune.
“Sono tutti grassi i Reyaans” disse Daena “pance grandi come le loro navi. Avresti dovuto vedere il padre, faceva sembrare quello piccolo. Una volta venne convocato alla Casa della Verità per votare, ma quando mise piede sulla sua chiatta questa affondò.” Poi diede di gomito a Mercy “guarda, la cabina dei Signori del Mare”. I Signori del Mare non avevano mai visitato il Cancello, ma Izembaro gli aveva sempre riservato comunque una cabina, la più larga e opulenta di tutto il teatro. “Quelli devono essere gli inviati da Westeros. Hai mai visto simili abiti su di un vecchio? E guarda, ha portato la Perla Nera!”
L’inviato era esile e calvo, con un divertente ciuffo di barba grigia che gli cresceva dal mento. Il suo mantello era di velluto giallo, così come le sue brache. Il suo farsetto era di un blu così brillante che quasi fece lacrimare gli occhi di Mercy. Sul suo petto, uno scudo era stato ricamato in filo giallo, e al di sopra di esso stava un orgoglioso gallo blu di lapisalazzuli. Una delle sue guardie lo aiutò a sedersi, mentre altre due stavano alle sue spalle sul retro dello spazio a lui riservato. La donna che lo accompagnava non poteva avere più di un terzo dei suoi anni. Era così adorabile che le lampade sembravano più luminose quando lei passava loro vicino. Era vestita in un abito di pallida seta gialla tagliato basso, sorprendente contro il marrone chiaro della sua pelle. I capelli neri erano trattenuti da una reticella di filigrana d’oro, ed una collana anch’essa d’oro le accarezzava la parte superiore dei seni pieni. Mentre guardavano lei si chinò vicino all’inviato e gli sussurrò qualcosa all’orecchio che lo fece ridere.
“La dovrebbero chiamare la Perla Marrone” disse Mercy a Daena. “ E’ più marrone che nera”.
“La prima Perla Nera era nera come una pentola di inchiostro” disse Daena. “Era una regina pirata, figlia dei signori del Mare e di una principessa delle Isole dell’Estate. Uno dei Re dei Draghi da Westeros la prese come sua amante.”
“Mi piacerebbe vedere un drago” disse Mercy malinconicamente “Perché mai l’inviato ha un pollo sul petto?”
Daena ululò. “Mercy ma non sai niente? E’ un sigillo. Nei regni del tramonto i Lord hanno dei sigilli. Alcuni hanno fiori, altri hanno pesci, alcuni orsi ed alci ed altre cose. Vedi, le guardie dell’inviato vestono dei leoni”
Era vero. C’erano quattro guardie. Grosse, uomini duri in cotta di maglia, con pesanti spade dell’ovest rinfoderate ai loro fianchi. I loro mantelli porpora erano bordati da spirali d’oro, e leoni dorati con occhi di granito reggevano il mantello su di ogni spalla. Quando Mercy occhieggiò alle facce al di sotto degli elmi crestati dai leoni, la sua pancia ebbe un brivido.
Gli Dei mi hanno mandato un dono. Le sue dita si strinsero sul braccio di Daena.
“Quella guardia, quella in fondo, dietro la Perla Nera.”
“che ha? Lo conosci?”
“No” Mercy era nata ed era stata allevata in Braavos, come avrebbe potuto conoscere un uomo dell’ovest? Doveva pensare un attimo. “e’ solo…Bhè è carino non credi?” lo era, in un certo qual modo, sebbene i suoi occhi fossero duri.
Daena rabbrividì. “E’ veramente vecchio. Non quanto gli altri ma avrà almeno trent’anni. Ed è di Westeros. Sono dei terribili selvaggi Mercy. E’ meglio stare lontani da individui come quello”.
“stare lontano?” Mercy ridacchiò. Era una ragazzina sghignazzante, era Mercy.
“No. Devo avvicinarmi.” diette una stretta a Daena e disse: “Se Snapper viene a cercarmi, dille che sono uscita un attimo per leggere la parte una altra volta.”
L’aveva fatto poche volte, e solo un pochino. “oh, no, no, no, no” e “No, Oh no, non toccarmi” e “per piacere mio signore, sono ancora vergine” ma questa era la prima volta che Izembaro le dava una parte, quindi era normale aspettarsi che la povera Mercy desiderasse che ogni cosa andasse per il verso giusto.
L’inviato dai sette regni aveva preso due delle sue guardie dentro il sio portico perché stessero dietro a lui e alla Perla Nera, ma gli altri due erano stati posizionati fuori dalla porta ad assicurarsi che nessuno disturbasse. Stavano parlando sommessamente nella lingua comune dei Sette Regni quando lei gli scivolò silenziosamente dietro nello scuro passaggio. Quello non era un linguaggio che Mercy conoscesse.
“Per i sette inferi questo posto è umido” udì la guardia lamentarsi “sono congelato fino al midollo. Dove sono i fottuti alberi di arance? Ho sempre sentito dire che c’erano gli alberi di arance nelle città libere. Limoni e lime. Melograni. Peperoncini piccanti, notti calde, ragazze con le pance nude. Dove sono le ragazze con le pance scoperte, ti chiedo?”
“Giù a Lys, a Myr, e a Vecchia Volantis” replicò l’altra guardia. Era un uomo più vecchio, rugoso e con una grande pancia.
“Andai a Lys con Lord Tywin una volta, quando era la mano di Aerys. Braavos è a nord di Approdo del Re, folle. Non sai leggere una fottuta mappa?”
“Quanto pensi che rimarremo qui?”
“Più a lungo di quanto ti piacerebbe.” Rispose il vecchio. “se ritorna senza l’oro la regina vorrà la sua testa. A parte questo, ho visto sua moglie. Ci sono scale a Castel Granito che lei non può scendere per paura di restare bloccata per quant’è grassa. Chi tornerebbe a tutto questo quando ha già la sua scura regina?”
La guardia affascinante ghignò “Non credi che la dividerebbe con noi dopotutto?”
“Cosa sei, impazzito? Pensi che noti quelli come noi? Fottuto sodomita. Non azzecca nemmeno i nostri nomi la metà delle volte. Forse era differente con Clegane.”
“Ser non era uno da spettacoli di guitti ed allegre sgualdrine. Quando Ser voleva una donna la prendeva, ma alle volte dopo lasciava che l’avessimo anche noi. Non considererei di avere un assaggio della Perla Nera. Pensi che sia rosa in mezzo alle gambe?”
Mercy avrebbe voluto udire di più, ma non c’era più tempo. La Mano Insanguinata stava per cominciare, e Snapper l’avrebbe cercata perché l’aiutasse con i costumi. Izembaro poteva essere il Re dei Guitti, ma Snapper era quella che tutti temevano. Avrebbe avuto sufficiente tempo per la sua bella guardia più tardi.
La Mano Insanguinata cominciava in una tomba. Quando il nano apparve all’improvviso dietro una pietra tombale di legno, la folla cominciò a fare gli scongiuri. Bobono dondolò verso la parte anteriore del palco e sbirciò verso di loro. “Il dio dai sette volti si è preso gioco di me.” Cominciò, ringhiando le parole.“Ha fatto il mio nobile sire di puro oro, e sempre d’oro ha fatto i miei fratelli, maschi e femmine. Ma io sono fatto di una materia più oscura, di ossa, sangue e argilla…”
Allora Marro era apparso dietro li lui, desolato e orribile nella lunga tunica nera dello Straniero. Anche la sua faccia era nera, i suoi denti rossi e luccicanti di sangue, mentre corna di avorio bianco spuntavano fuori dalle sue sopracciglia. Bobono poteva non vederlo, ma le balconate si, e alla fine anche la platea. Il Cancello divenne mortalmente quieto, e Merro venne in avanti silenziosamente.
Così fece Mercy. I costumi erano tutti appesi, e Snapper era occupata a cucire Daena dentro al suo vestito per la scena di corte, quindi l’assenza di Mercy non sarebbe stata notata. Silenziosa come un ombra, scivolò dentro e dietro di nuovo, su fino a dove le guardie stava davanti alla porta della cabina privata. Ferma nell’alcova buia, immobile come pietra, ebbe modo di osservare per bene la sua faccia. Lo studiò attentamente, in modo da essere sicura. Sono troppo giovane per lui? Si chiese. Troppo piatta? Troppo magra? Sperava che non fosse il genere d’uomo che amava i grandi seni sulle ragazze. Bobono aveva avuto ragione sul suo petto.
‘Sarebbe stato meglio se avessi potuto riportarlo al mio posto e averlo tutto per me. Ma verrà con me?’
“Pensi possa essere lui?” stava dicendo quello carino.
“Cosa, gli estranei ti hanno fregato l’ingegno?”
“Perché no? E’ un nano non ti sembra?”
“Il Folletto non era l’unico nano al mondo”.
“Forse no ma, guarda qua, tutti non fanno che ripetere quanto sia astuto, giusto? Quindi forse lui immagina che l’ultimo posto in cui sua sorella avrebbe mai guardato fosse uno spettacolo di guitti dove avrebbe fatto ridere di se stesso. Quindi fa esattamente questo, per menarla per il naso.”
“Ah, tu sei pazzo.”
“Bene, forse io lo seguirò dopo la guittata. Lo troverò per me.” La guardia mise una mano sull’elsa della spada. “se ho ragione, sarò un Lord, e se mi sbaglio, dannazione è solo un nano.” Dette in un verso e rise.
Sul palco Bobono stava mercanteggiando con il sinistro Straniero di Marro. Aveva una voce potente per un uomo così piccolo ed in quel momento la faceva risuonare fino alle travi più alte. “Dammi la coppa.” Disse allo Straniero. “ed io berrò a fondo. E se saprà di oro e sangue di leone, meglio così. Se non posso essere l’eroe, lasciatemi essere il mostro, e che imparino la paura invece dell’amore.”
Mercy mimò l’ultima parte con lui. Era una parte migliore della sua.
‘Mi vorrà, o non mi vorrà’ pensò, quindi lasciamo che la commedia inizi. Recitò una silenziosa preghiera al dio dai mille volti, scivolò fuori dall’alcova e si diresse verso le guardie. Mercy, Mercy, Mercy.
“Miei signori” disse “Parlate Bravosiano? O per favore, ditemi che lo fate!”
Le due guardie si scambiarono uno sguardo “che cosa sta succedendo?” chiese il più vecchio “chi è lei?”
“Uno dei guitti” Disse quello carino. Spinse i suoi bei capelli all’indietro e le sorrise. “scusa dolcezza, non parliamo il tuo gibble-gabble”
‘Tutta apparenza” pensò Mercy ‘Conoscono solo la lingua comune.’
Questo non era bene. Arrenditi o vai avanti. Ma lei non poteva arrendersi. Lo voleva così tanto.
“io conosco la vostra lingua, un pochino”, mentì, con il più dolce sorriso di Mercy. “Voi siete i signori di Westeros , mi hanno detto i miei amici.”
Il vecchio rise. “Signori? Si, siamo noi!”
Mercy guardò in basso verso i suoi piedi, timidamente.
“Izembaro dice di compiacere i Signori” sussurrò. “c’è niente che desiderate? Qualsiasi cosa…”
Le due guardie si scambiarono un'altra occhiata. Quindi quello affascinante le si avvicinò e le toccò il seno.”qualsiasi..?”
“Sei disgustoso” disse l’uomo anziano.
“perché? Se Izembaro vuole essere ospitale sarebbe scortese rifiutare”. Le diede un pizzico al capezzolo attraverso la stoffa del vestito, alla stessa maniera del nano quando gli stava aggiustando l’uccello.
“I guitti sono la cosa più simile alle puttane.”
“Può essere, ma questa è una bambina.”
“Non lo sono.” Mentì Mercy. “sono una fanciulla adesso.”
“Non ancora per molto” disse quello carino. “io sono Lord Rafford, dolcezza, e so quello che voglio. Alza questa gonna adesso e appoggia la schiena contro il muro.”
“Non qui.” Disse Mercy sfregandosi le mani. “Non dove stanno facendo lo spettacolo, potrei urlare e Izembaro darebbe di matto.”
“Dove allora?”
“Conosco un posto.”
Il più vecchio si stava accigliando. “Cos’è credi di poter semplicemente sgattaiolare via? Che succede se Sua Cavalierezza viene a cercarti?”
“Perché dovrebbe? Ha uno spettacolo da guardare. Ed ha la sua pu***na, perché dovrebbe volere la mia? Non ci vorrà molto.”
‘No’, pensò lei, ‘non ci vorrà molto’
Mercy lo prese per la mano, lo condusse sul retro e giù dalle scale e fuori nella notte nebbiosa. “potresti essere un guitto se volessi, “ gli disse lei, mentre lui la spingeva contro il muro del teatro.
“io?” sbuffò la guardia, “Non io ragazzina. Tutte quelle fottute chiacchiere, non ne ricorderei la metà.”
“E’ dura all’inizio,” ammise lei, “Ma dopo un po’ diventa più facile. Potrei insegnarti a recitare una battuta. Potrei.”
Lui l’afferrò per la vita. “io sarò l’insegnante. Ed è tempo della tua prima lezione.” La tirò forte contro di se e la baciò sulle labbra forzando la lingua dentro la sua bocca. Era tutto umido e melmoso. Come un anguilla. Mercy lo lecco con la lingua, quindi si staccò da lui, senza fiato. “Non qui. Qualcuno potrebbe vedere. La mia stanza non è lontana, ma svelto. Devo tornare prima del secondo atto, o mi perderò il mio stupro.”
Lui sogghignò. “Di questo non devi aver paura, ragazzina.”Ma lasciò che lei lo conducesse. Mano nella mano, corsero attraverso la nebbia, sopra ponti e attraverso vicoli e su per cinque rampe di insidiose scale di legno. Quando giunsero ad entrare attraverso alla porta della piccola stanza, la guardia aveva ormai il fiato corto. Mercy accese un’ alta candela, quindi danzò attorno a lui, ridacchiando. “Oh, adesso sei così stanco. Non ricordo quanto sei vecchio, mio signore. Vuoi per caso fare un riposino? Stenditi semplicemente e chiudi gli occhi, ed io ritornerò indietro appena il Folletto avrà finito di stuprarmi.”
“Tu non vai da nessuna parte.” Lui la tirò rudemente contro di se, “Esci da questi stracci, e ti mostrerò quanto sono vecchio.”
“Mercy” disse,”il mio nome è Mercy, puoi dirlo?”
“Mercy,” disse, “Il mio nome è Raff.”
“Lo so.” Lei fece scivolare la mano tra le sue gambe e sentì quanto fosse duro attraverso la pesante stoffa delle brache.
“Le stringhe.” La incitò lui, “Fa la brava bambina e slacciale.”
Ma lei invece strusciò il dito lungo il profilo interno della coscia. A lui sfuggì un grugnito. “Dannazione, attenta laggiù,tu..”
Mercy boccheggiò e si allontanò da lui, la faccia confusa e spaventata. “stai sanguinando.”
“che…” lui guardò in giù “O dei Misericordiosi. Che mi hai fatto piccola tr**a?” la macchia rossa si allargava sulla coscia inzuppando il tessuto pesante.
“niente.” Squittì Mercy, “io non ho mai…oh, c’è così tanto sangue. Fermalo ti prego mi stai spaventando.”
Lui scosse la testa e gettò uno sguardo al suo volto. Quando tentò di far pressione sulla coscia, il sangue fluì attraverso alle sue dita. Correva giù lungo la gamba, fino dentro allo stivale. Non era così piacevole adesso, appariva solamente spaventato.
“un asciugamano” chiese la guardia, “portami una pezza, uno straccio, pigialo forte lì. Dei. Mi sento confuso…” La sua gamba era fradicia di sangue dalla coscia in giù. Quando tentò di appoggiarci sopra, il ginocchio cedette e cadde. “aiutami,” supplicò, mentre il cavallo delle sue brache si arrossava. “madre abbi misericordia. Un guaritore…corri, trova un guaritore e portalo qui. Veloce.”
“Uno c’è, nel canale accanto ma non verrà qui. Devi andare tu da lui. Puoi camminare?”
”Camminare?” le sue dita erano viscide di sangue, “Sei cieca ragazzina? Sto sanguinando come un maiale squartato. Non posso camminare così.”
“Bhè, non so proprio come potresti fare ad arrivare là allora.”
“dovrai portarmi.”
‘Vedi?’ pensò Mercy. ‘Conosci la tua parte allora, esattamente come me’.
“Tu pensi?” chiese dolcemente Arya.
Raff Dolcecuore la guardò intensamente mentre la lunga lama sottile usciva scivolando dalla sua manica. Lei la fece passare attraverso la sua gola, sotto al mento, indietro e verso l’esterno con un unico movimento fluido. Ne seguì una pioggia rossa, e la luce nei suoi occhi si spense.
“Valar Morghulis,” sussurrò Arya, ma Raff Dolcecuore non la udì.
Tirò su col naso. ‘Avrei dovuto aiutarlo a scendere le scale prima di ucciderlo. Adesso dovrò trascinarlo fuori fino al canale e gettarcelo dentro. Le anguille faranno il resto’.
“Mercy, Mercy, Mercy,” cantò tristemente.
Una folle ragazzina ridacchiante, ma di buon cuore. Le sarebbe mancata, così come le sarebbero mancati Daena, e Snapper e gli altri, perfino Izembaro e Bobono. Questo sarebbe stato un problema per i Signori del Mare e per l’inviato con il pollo sul petto, non aveva dubbi.
Ma ci avrebbe pensato più tardi, comunque. Adesso non c’era tempo. Meglio che si sbrigasse.
Mercy aveva ancora una parte da recitare, la sua prima ed ultima, ed Izembaro avrebbe avuto la sua testa se avesse fatto tardi al suo stupro.





Per leggere il primo capitolo di 'The Winds of Winter' su Theon clicca qui.
Traduzione integrale in italiano, dell' estratto del capitolo su Arya Stark dal nuovo libro di prossima uscita di G.R.R. Martin, "The Winds of Winter" - Gli altri capitoli e anticipazioni saranno pubblicati prossimamente.
Versione originale: Excerpt from the Arya chapter
Tradotto da questo blog - Release chapters - Data di pubblicazione: 2014
Tratto dalla saga Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco vol.13
A Song of Ice and Fire Book n.6 ITA

martedì 12 novembre 2013

The Winds of Winter - Victarion -Traduzione

La Nobile Lady era una nave che assomigliava molto a una tinozza, grande e piena di comodità, da far compiacere persino le nobildonne delle terre verdi. Le stive erano enormi, e Victarion le riempì di soldati.
Con questa nave avrebbe guidato le altre imbarcazioni più piccole che la Flotta di Ferro si era guadagnata con il sangue durante il lungo viaggio verso la Baia degli Schiavisti; uno squallido assortimento di cocche, grandi e piccole, caracche, e galee da commercio, arricchito di tanto in tanto dalla presenza di qualche barca da pesca. Per certi versi, era una flotta promettente dal punto di vista del commercio di lana, vini e altre cianfrusaglie, ma scarsa per quanto riguardava la reale forza in combattimento.

Victarion nominò come comandante Wulfe Un-Orecchio.
“Gli schiavisti potrebbero rabbrividire nel momento in cui avvisterranno le tue vele all’orizzonte,” gli disse, “ma una volta che ti sarai avvicinato, vedranno meglio la tua flotta e si metteranno a ridere. Mercanti e pescatori, ecco tutto quello che hai a disposizione. Chiunque se ne accorgerebbe. Lasciali pure avvicinare quanto lo desiderano, ma tieni i tuoi uomini nascosti sottocoperta finchè non sei pronto. Quindi avvicinati e abbordali. Libera gli schiavi e dai in pasto al mare gli schiavisti, ma prendi le loro navi. Avremo bisogno di tutti gli scafi possibili per tornare a casa.”
“Casa.” Wulfe fece un largo sorriso.
“Gli uomini saranno contenti di sentire questa parola, Capitano.”
“Prima le navi. Poi facciamo a pezzi questi Yunkai.”
“Aye.”

La Vittoria di Ferro era attraccata sul fianco della Nobile Lady, le due navi legate strettamente con catene e uncini, e una scala era stata appoggiata sui due ponti. Lo scafo della Nobile Lady era molto più largo rispetto a quello della nave da guerra e si stagliava più in alto sull’acqua; lungo tutti i parapetti della nave, i volti degli uomini di ferro scrutavano verso il basso, mentre Victarion congedava Wulfe Un-Orecchio con una pacca sulla spalla. Il comandante della flotta salì quindi la scala per raggiungere i suoi uomini e ordinò loro di rimuovere le catene per liberare lo scafo. La nave da guerra e lo scafo mercantile si separarono. In lontananza, il resto della flotta camuffata di Victarion, stava per alzare le vele. Dall’equipaggio della Vittoria di Ferro si alzarono delle urla di acclamazione, e subito dopo anche gli uomini della Noble Lady fecero sentire le loro grida in risposta. Victarion aveva consegnato a Wulfe il comando dei suoi migliori guerrieri. Li invidiava; sarebbero stati i primi a menare un fendente, i primi a vedere il riflesso del terrore negli occhi dei nemici. Mentre vedeva svanire verso ovest una ad una le navi mercantili di Un-Orecchio dal ponte della Vittoria di Ferro, a Victarion Greyjoy tornò alla mente il volto del primo nemico che avesse mai ucciso.

Ripensò alla sua prima nave, alla sua prima donna. Un inquietudine lo stava assalendo, non vedeva l’ora che arrivasse l’alba, e in quel giorno sarebbero successe parecchie cose. Morte o gloria, Mi sazierò di entrambe oggi. Il Trono del Mare sarebbe dovuto diventare suo dopo la morte di Balon, ma suo fratello Euron glielo rubò, proprio come gli aveva rubato sua moglie, molti anni prima. La rubò e la deturpò, ma lasciò a me il compito di ucciderla. Ma ormai tutto questo era passato e Victarion avrebbe avuto il suo premio. Ho il corno, e presto avrò anche la donna, una donna più amorevole della moglie che mi costrinse ad uccidere.

“Capitano?” Era la voce di AcquaLunga Pyke.
“I tre rematori ti stanno aspettando. Sembrano molto forti.”
“Portali nella mia cabina. Voglio anche il prete.”
I rematori erano tutti e tre molto grossi. Uno era un ragazzo, uno un bruto, uno il figlio di un bastardo. Il ragazzo remava da meno di un anno, il bruto da almeno venti. Avevano dei nomi si, ma Victarion non li conosceva. Uno veniva dalla Lamentation, un’altro dalla Sparrowhawk, e l’altro ancora dalla Spider Kiss. Non ci si poteva aspettare che conoscesse i nomi di tutti i servi che avevano imbracciato un remo nella Flotta di Ferro.

“Mostragli il corno,” ordinò, quando i tre furono fatti entrare nella sua cabina.
Moqorro lo portò avanti, e la donna scura sollevò una lanterna per illuminarlo. In quella luce tremolante, il corno infernale sembrava contorcersi tra le mani del prete, come un serpente che si dibatte per sfuggire alla presa. Moqorro era un uomo di dimensioni mostruose, la pancia grossa, le spalle massicce, torreggiava sulle altre persone, ma persino tra le sue mani il corno sembrava enorme.

“Mio fratello ha trovato questo oggetto a Valyria,” disse Victarion ai servi.
“Pensate a quanto dovevano essere grandi i draghi per sopportare il peso di due corni simili sulla testa. Più grandi di Vhagar o Meraxes. Addirittura più grandi di Balerion il Terrore Nero.”
Prese il corno dalle mani di Moqorro e passò il palmo lungo le sue curve.
“All’Acclamazione dei Re a Vecchia Wyk, uno dei muti di Euron ci soffiò dentro. Alcuni di voi ricorderanno. Non è un suono che un uomo può dimenticare facilmente.”
“Dicono che è morto,” disse il ragazzo.
“Quello che ha suonato il corno.”
“Aye. Il corno fumava dopo che venne suonato. Il muto aveva delle vesciche sulle sue labbra, e l’uccello tatuato sul suo petto sanguinava. Morì il giorno seguente. Quando lo aprirono, i suoi polmoni erano neri.”
“Il corno è maledetto,” disse il figlio del bastardo.
“Un corno di drago proveniente da Valyria,” disse Victarion.
“Aye, è maledetto. Non ho mai detto che non lo fosse.”

Fece scorrere la sua mano lungo una delle bande d’oro rosso, e gli antichi glifi sembravano muoversi ritmicamente sotto le sue dita. Per un istante non avrebbe voluto fare altro che suonarlo lui stesso. Euron è stato un folle a darmelo. È un oggetto prezioso, e potente. Grazie a questo conquisterò il Trono del Mare, e poi il Trono di Spade. Con questo, conquisterò il mondo. “Cragorn soffiò dentro al corno per tre volte e morì per questo. Era grande quanto ognuno di voi, e forte quanto me. Così forte che avrebbe potuto spezzare l’osso del collo di un uomo girandogli la testa con una sola mano, ma nonostante tutto il corno lo ha ucciso comunque.” “E allora ci ucciderà allo stesso modo,” disse il ragazzo.

Raramente Victarion perdonava un servo dopo che aveva aperto la bocca quando non doveva farlo, ma il ragazzo era giovane, aveva non più di vent’anni, e inoltre presto sarebbe morto. Lo ignorò. “Il muto suonò il corno per tre volte. Voi tre dovrete suonarlo solo una volta a testa. Forse morirete. Forse no. Tutti moriamo. La flotta di Ferro sta andando in battaglia. Molti su questa stessa nave saranno morti prima che il sole tramonti, passati da parte a parte o squarciati, sventrati, annegati o bruciati vivi. Solo gli dei sanno chi di noi sarà ancora qui domattina. Suonate il corno, e se sarete ancora vivi, farò di voi degli uomini liberi, uno, due o tutti e tre. Vi darò delle mogli, un pezzo di terra, una nave per salpare, e dei servi tutti vostri. Tutti conosceranno i vostri nomi.”
“Perfino tu, Lord Capitano?” domandò il figlio del bastardo.
 “Aye” “Allora lo farò.”
 “Anche io,” disse il ragazzo.
Il bruto incrociò le braccia e annuì.

Se il fatto di credere di avere una minima possibilità li faceva sentire più coraggiosi, a lui andava bene. Dopotutto erano solo dei servi, e a Victarion importava ben poco di quello che credevano.
“Salperete con me sulla Iron Victory,” gli disse, “ma non prenderete parte alla battaglia. Ragazzo, tu sei il più giovane, suonerai il corno per primo. Quando sarà giunto il momento ci soffierai dentro con quanto più fiato hai in gola. Dicono che tu sia forte. Suona finchè non ti sentirai troppo debole per rimanere in piedi, finchè l’ultimo soffio del tuo respiro non è uscito dal tuo corpo, finchè non ti sentirai bruciare i polmoni. Lascia che ti sentano gli uomini liberi di Meeren, gli schiavisti di Yunkai, i fantasmi di Astapor. Lascia che le scimmie si caghino addosso nel sentire il suono dall’ Isola dei Cedri. Solo allora potrai passare il corno al tuo compagno. Mi hai capito? Hai ben chiaro quello che devi fare?”
Il ragazzo e il figlio del bastardo si scostarono i ciuffi dei capelli dalla fronte in segno di intesa.
Il bruto avrebbe potuto fare lo stesso, se non fosse stato calvo.
“Potete toccare il corno se volete. Poi andate.”
Uno ad uno uscirono dalla cabina, e Moqorro stava per fare lo stesso. Victarion non gli lasciò portare via il corno infernale.
“Lo terrò qui con me, finchè non ce ne sarà bisogno.”
“Ai tuoi ordini. Vuoi che ti faccio uscire un pò di sague dalla mano?”
Victarion prese la donna scura per il polso e l’avvicinò a se. “Ci penserà lei. Vai a pregare il tuo dio rosso. Accendi pure i tuoi fuochi, e dimmi quello che vedi.” Gli scuri occhi di Moqorro sembrarono brillare. “Vedo draghi.”

Per leggere il primo capitolo di 'The Winds of Winter' su Theon clicca qui.
Traduzione integrale in italiano, dell' estratto del capitolo su Victarion dal nuovo libro di prossima uscita di G.R.R. Martin, "The Winds of Winter" - Gli altri capitoli e anticipazioni saranno pubblicati prossimamente.
Versione originale: Excerpt from the Victarion chapter
Tradotto da questo blog - Release chapters - Data di pubblicazione: 2013
Tratto dalla saga Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco vol.13
A Song of Ice and Fire Book n.6 ITA

lunedì 25 marzo 2013

I Fiumi della Guerra - Ebook

Per tutti i fan della saga fantasy Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco che vogliono leggersi il terzo dei sette romanzi di George R. R. Martin (in Italia il sesto), I Fiumi della Guerra, senza pagare per un libro spezzettato rispetto all'edizione originale e gonfiato da 50 pagine di appendice, ecco i link per scaricare l'ebook gratis.

Formato Pdf e Word:

Google Docs - Mediafire - DepositFiles

Torrent ( vol. da 1 a 9)

Per il download gratuito di tutti gli altri libri delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco clicca qui.


giovedì 14 marzo 2013

Il Portale delle Tenebre - Ebook

Per tutti i fan della saga fantasy Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco che vogliono leggersi il terzo dei sette romanzi di George R. R. Martin (in Italia il settimo), Il Portale delle Tenebre, senza pagare per un libro spezzettato rispetto all'edizione originale e gonfiato da 50 pagine di appendice, ecco i link per scaricare l'ebook gratis.

Formato Pdf e Word:

Google Docs - Mediafire - DepositFiles

Torrent  ( vol. da 1 a 9)

Per il download gratuito di tutti gli altri libri delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco clicca qui.

Titolo Originale: A Storm of Swords
Autore: George Raymond Richard Martin
Traduttore: S. Altieri Editore: Mondadori
Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco Vol. 7
A Song of Ice and Fire Book n.3


venerdì 8 marzo 2013

Il Dominio della Regina - Ebook

Per tutti i fan della saga fantasy Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco che vogliono leggersi il quarto dei sette romanzi di George R. R. Martin (in Italia l'ottavo), Il dominio della regina, senza pagare per un libro spezzettato rispetto all'edizione originale e gonfiato da 50 pagine di appendice, ecco i link per scaricare l'ebook gratis.

Formato Pdf e Word:

Google Docs - Mediafire - Rapidgator - Crocko - Depositfiles (vol.8-9)

Torrent  ( vol. da 1 a 9)

Per il download gratuito di tutti gli altri libri delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco clicca qui (saga completa).

Titolo Originale: A Feast for Crows
Autore: George Raymond Richard Martin
Traduttore: S. Altieri, M. Benuzzi
Editore: Mondadori
Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco Vol. 8
A Song of Ice and Fire Book n.4

martedì 26 febbraio 2013

L' Ombra della Profezia - Ebook

Per tutti i fan della saga fantasy Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco che vogliono leggersi il quarto dei sette romanzi di George R. R. Martin (in Italia il nono), L'Ombra della Profezia, senza pagare per un libro spezzettato rispetto all'edizione originale e gonfiato da 50 pagine di appendice, ecco i link per scaricare l'ebook gratis.

Formato Pdf e Word:

Google Docs -  Sendspace - Mediafire - Rapidgator - Crocko - Depositfiles (vol.8-9)

Torrent ( vol. da 1 a 9)

Per il download gratuito di tutti gli altri libri delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco clicca qui (saga completa)

Titolo Originale: A Feast for Crows
Autore: George Raymond Richard Martin
Traduttore: S. Altieri, M. Benuzzi
Editore: Mondadori
Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco Vol. 9
A Song of Ice and Fire Book n.4